NEWS // STRUTTURE SANITARIE E CASE DI RIPOSO: AGGIORNAMENTO TECNICO DI PREVENZIONE INCENDI

Il D.M. 19 marzo 2015 del Ministero dell’Interno prevede un aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di cui al decreto 18 settembre 2002.

QUALI SONO LE ATTIVITÀ COINVOLTE

  • Strutture sanitarie che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e/o residenziale a ciclo continuativo e/o diurno;
  • Case di riposo per anziani con oltre 25 posti letto;
  • Strutture sanitarie che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, ivi comprese quelle riabilitative, di diagnostica strumentale e di laboratorio, di superficie complessiva superiore a 500 mq.

La vigente normativa di prevenzione incendi distingue tre tipologie di attività (A, B, C) nel seguente modo:

  


QUALI SONO GLI OBBLIGHI

  • per le strutture che sono in possesso di certificato di prevenzione incendi: nessuno.
  • per le strutture che sono in possesso di progetto approvato dal comando provinciale dei vv. f. e hanno iniziato lavori di adeguamento alla struttura: nessuno.
  • per le strutture che non abbiano completato l’adeguamento al D.M. 18 settembre 2002 (ora aggiornato con il D.M. 19 marzo 2015): si applica il Titolo III dell’allegato I al D.M. 19 Marzo 2015. Il legislatore concede un arco temporale per il rispetto di tutti i punti del nuovo Titolo III di 10 anni (terminerà il 24 aprile 2025):

- la prima scadenza prevista è il 24 aprile 2016;
- le scadenze seguenti sono al quarto, settimo, e decimo anno dall’entrata in vigore del Decreto.

QUALI SONO GLI OBBLIGHI ENTRO IL 24 APRILE 2016

  • ATTIVITÀ A: entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto (24 aprile 2016) presentano la SCIA* attestante il rispetto di alcuni punti del Titolo III (la maggior parte di carattere gestionale ovvero estintori, cartellonistica, illuminazione di sicurezza, etc.)
  • ATTIVITÀ B, C: entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto (24 aprile 2016) gli enti e i privati responsabili delle strutture di cui al presente comma individuate nelle categorie B e C ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n. 151, richiedono al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco competente per territorio la valutazione del progetto, relativo al completo adeguamento dell’attività e presentano la SCIA* attestante il rispetto di alcuni punti del Titolo III (la maggior parte di carattere gestionale ovvero estintori, cartellonistica, illuminazione di sicurezza,ecc.).


*La segnalazione certificata deve attestare, inoltre, la predisposizione e l’adozione di un apposito sistema di gestione della sicurezza finalizzato all’adeguamento antincendio, conforme a quanto stabilito dal titolo V del decreto del Ministro dell’interno 18 settembre 2002 introdotto dall’Allegato III al presente decreto, che deve prevedere l’attuazione dei divieti, delle limitazioni e delle condizioni di esercizio, ordinarie ed in emergenza, che, per questa specifica fase, concorrono alle misure di prevenzione. Per la predisposizione del sistema di gestione della sicurezza e per la relativa attuazione, deve essere individuato dal titolare dell’attività un responsabile tecnico della sicurezza antincendio, che potrà coincidere con altre figure tecniche presenti all’interno dell’attività, in possesso di attestato di partecipazione, con esito positivo, ai corsi base di specializzazione ai sensi del decreto del Ministro dell’interno 5 agosto 2011 e deve essere previsto un numero congruo di addetti antincendio, valutato con il metodo riportato al titolo V del decreto del Ministro dell’interno 18 settembre 2002 introdotto dall’Allegato III al presente decreto.


APPROFONDIMENTI E CONTATTI

ETA Ingegneria srl (società del Gruppo SEA) offre servizi di Prevenzione Incendi; progettazione impiantistica nei settori Elettrico, Termico, Energetico/Ambientale, Antincendio; gestione della sicurezza nei cantieri, gestione registri antincendio.

ETA Ingegneria srl
Ing. Lucia Secchiaroli
Tel. 0721.863913
l.secchiaroli@seagruppo.it

 

Il tuo referente tecnico SEA Gruppo è a completa disposizione per ogni chiarimento o approfondimento tecnico.